Cos’è il progetto SmartAlp

DSC_0551

SmartAlp è un progetto finanziato dal Piano di Sviluppo Rurale della Provincia autonoma di Trento, che vede numerosi soggetti, pubblici e privati, agire per la valorizzazione delle produzioni ottenute in alpeggio e per la valutazione e la minimizzazione degli impatti delle attività pastorali sugli ecosistemi seminaturali alpini.

Le tematiche del progetto SmartAlp rientrano tra le priorità indicate nel PSR di Trento e con le finalità indicate nell`art. 55 del Reg. 1305/2013, in particolare:

  • la produzione di soluzioni tecnologiche e organizzative che contribuiscono a migliorare la redditività sostenibile dei processi produttivi. Il progetto infatti si pone come obiettivi l’uso delle nuove tecnologie legate all’agricoltura di precisione (Precision Livestock Farming) per migliorare la gestione dell’alpeggio (uso efficiente delle risorse, riduzione dei gas serra attraverso un miglioramento delle capacità di assorbire carbonio dei pascoli, miglioramento della biodiversità e resilienza climatica degli ecosistemi pascolivi). Le informazioni così raccolte andranno a valorizzare il prodotto attraverso sia etichette informative che azioni di formazione e informazione verso gli utenti finali aumentando la redditività delle malghe.

  • il benessere e salute animale. Una specifica azione sarà sviluppata per monitorare il benessere animale in malga e definire idonee pratiche per migliorare la gestione dei bovini

  • il miglioramento della sostenibilità ambientale dei processi produttivi (tecniche di produzione a basso impatto e uso più efficiente di input – acqua, nutrienti e antiparassitari) e della qualità delle produzioni agro-alimentari. L’uso di tecnologie di precisione permetteranno di ridurre gli input e ottimizzare l’uso delle risorse, oltre che migliorare la resilienza degli ecosistemi pascolivi di montagna (adattamento dei processi produttivi ai cambiamenti climatici, alla protezione del suolo e alla prevenzione dei rischi naturali).

L’attività

La presenza all’interno del gruppo di lavoro della Federazione Provinciale degli Allevatori assicura la connessione tra i risultati del progetto il loro trasferimento alle aziende malghive, in particolare nel territorio del Primiero dove si svolgerà l’attività, che per caratteristiche sia gestionali che ambientali ben si prestano a implementare i risultati della ricerca.

Il Parco di Paneveggio Pale di San Martino sarà invece il volano per la trasferibilità dei risultati, in particolare per la maggior valorizzazione dei prodotti, verso i turisti e gli abituali frequentatori della zona.

Testata loghi_web

Annunci

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora